ALFA ROMEO SPIDER QUADRIFOGLIO VERDE

“Cosa resterà degli anni ‘80”

ANNO: 1989

L’Alfa Romeo Spider denominata “Duetto”, per meglio definire la vettura nata nel 1966 e prodotta in 4 serie fino al 1994, è un cult dell’automobilismo mondiale, un oggetto immancabile per i collezionisti di tutto il mondo.

Questa Quadrifoglio Verde grigio argento è tra le Spider che preferisco, lontana due decenni dal modello utilizzato nel film che l’ha consacrata ad icona mondiale di stile, ma non ancora così moderna come la quarta serie. Vettura di carattere, dall’estetica elaborata (soprattutto nella coda)e un po’ sopra le righe, ma utile a riportare l’attenzione del mercato su un’auto di grande immagine per il marchio.

E fu proprio per riaccendere i riflettori sulla celebre Duetto che nel 1983 si decise di presentare la terza serie, detta “Aerodinamica”. Fu un modello di rottura rispetto alla precedente “Coda Tronca”, non tanto per i contenuti tecnici, pressochè invariati rispetto alla serie 2, ma per le appendici aerodinamiche, all’inizio criticate dai puristi Alfa Romeo. In particolare mi riferisco al vistoso spoiler posteriore di colore nero e agli inediti paraurti con grandi fascioni in plastica nera .Ma Pininfarina ,che firmò il disegno, ci vide lungo; se infatti l’Aerodinamica non fu nell’immediato apprezzata in Italia, riscosse subito un grande successo all’estero, in particolare negli Stati Uniti.

Il nostro paese apprezzò più tardi l’estetica della terza serie, che , in fondo, non faceva altro che ricalcare lo stile di quel periodo.

In quel decennio infatti la moda portò ad un’ esaltazione dell’eccesso più o meno in tutti gli ambiti ed il mondo dell’automobile non potè che adeguarsi, con vistose appendici aerodinamiche a decorare più o meno i modelli di tutti i segmenti, dalle utilitarie alle berline di rappresentanza.

La Duetto, mito che aveva fino ad allora attraversato 2 decenni, dovette adeguarsi e , pur mantenendo la sua eleganza, si adattò al cambiamento, ma senza strafare, come si conviene allo stile made in Italy.

Per la verità nel caso di quest’Alfa gli accorgimenti estetici, già così vicini ai gusti americani, furono funzionali a ridurre notevolmente i costi di produzione, soprattutto in fatto di esportazione; la carrozzeria della terza serie infatti era già quasi pronta per il mercato statunitense che, per via delle normative allora vigenti in fatto di sicurezza, avrebbe altrimenti costretto la casa madre a delle onerose modifiche.

Nel 1986 la gamma di questa Duetto fu ampliata e si pensò di offrire una vettura più sportiva e meglio equipaggiata La Quadrifoglio Verde si distingueva per un paraurti anteriore più avvolgente,minigonne, nuovi cerchi da 15’’ e degli interni più rifiniti, disponibili solo con selleria di colore grigio immersa in una moquette rosso fuoco. I colori a listino per la carrozzeria erano solo due: rosso pastello e grigio metallizzato chiaro. Unica scelta per il motore: il classico,divertentissimo due litri da 128cv, l’ultimo a carburatori.

  • CARROZZERIA: Spider 2 porte
  • POSTI: 2
  • LUNGHEZZA: 412cm
  • LARGHEZZA: 163cm
  • ALTEZZA: 129cm
  • PESO: 1040Kg
  • MOTORE: Anteriore-bialbero 4 cilindri in linea
  • TRAZIONE: posteriore
  • CILINDRATA: 1962cc
  • POTENZA: 128cv
  • ALIMENTAZIONE: benzina
  • CAMBIO: manuale
  • VELOCITA’: 190km/h
€ 26.000,00

LA MIA Q.V.-NATA ALL’OMBRA DELLA MADONNINA

L’ Alfa Spider Quadrifoglio di Passione Classica è una delle 2600 Quadrifoglio prodotte.Ho trovato questo modello presso un importante collezionista del marchio. La vettura è stata ferma per un bel po’, proprietà di una concessionaria , dimenticata in un deposito.E’ riuscita a conseguire la Targa Oro ASI ed il documento di Origine Alfa Romeo ne certifica la produzione il 22/11/1988 e la consegna il 28/02/1989 a Milano: la targa, di indiscutibile fascino, è ancora quella originale.

Tuttavia, come si sa , spesso le auto storiche ferme da molto tempo necessitano di interventi decisi: nel mio caso il trattamento è uguale per tutte le vetture della collezione e quest’Alfa non ha fatto eccezione anche perché, come spesso sostengo, le auto vanno vissute ed utilizzate, altrimenti si è solo dei commercianti. Per questo, nonostante il basso chilometraggio di questa Duetto, impianto elettrico, motore e carrozzeria sono stati revisionati.

Per le mie Alfa, mi affido alla competenza dell’officina Tecchio Catterino di Vicenza, vero punto di riferimento nazionale (e non solo) per gli amanti del Biscione. Un luogo dove il tempo sembra essersi fermato, dove si è soliti camminare facendo slalom tra capolavori degli anni 30 ,40 e 50, e dove Andrea, figlio del fondatore, da del tu ad automobili di inestimabile valore , spesso intento a preparare vetture per la Mille Miglia.Per quanto riguarda la carrozzeria la vettura non aveva bisogno di interventi radicali, ma di una mano esperta che eliminasse molti dei segni del tempo; ma, si sa, il budget preventivato viene sempre superato in virtù di un perfezionismo che talvolta supera ogni buon senso.Non potevo quindi non affidare la mia Quadrifoglio alla “Carrozzeria Quadrifoglio”; il lavoro è durato tre mesi ma ne è decisamente valsa la pena.

Oggi, superato il trentesimo compleanno,questa Spider diventa di diritto una storica di grande importanza.Provate a farci un giro: capirete cos’è rimasto e “cosa resterà” di quegli anni ’80…

LA MIA Q.V.-NATA ALL’OMBRA DELLA MADONNINA

L’ Alfa Spider Quadrifoglio di Passione Classica è una delle 2600 Quadrifoglio prodotte.Ho trovato questo modello presso un importante collezionista del marchio. La vettura è stata ferma per un bel po’, proprietà di una concessionaria , dimenticata in un deposito. E’ riuscita a conseguire la Targa Oro ASI ed il documento di Origine Alfa Romeo ne certifica la produzione il 22/11/1988 e la consegna il 28/02/1989 a Milano: la targa, di indiscutibile fascino, è ancora quella originale.

Tuttavia, come si sa , spesso le auto storiche ferme da molto tempo necessitano di interventi decisi: nel mio caso il trattamento è uguale per tutte le vetture della collezione e quest’Alfa non ha fatto eccezione anche perché, come spesso sostengo, le auto vanno vissute ed utilizzate, altrimenti si è solo dei commercianti. Per questo, nonostante il basso chilometraggio di questa Duetto, impianto elettrico, motore e carrozzeria sono stati revisionati.

Per le mie Alfa, mi affido alla competenza dell’officina Tecchio Catterino di Vicenza, vero punto di riferimento nazionale (e non solo) per gli amanti del Biscione. Un luogo dove il tempo sembra essersi fermato, dove si è soliti camminare facendo slalom tra capolavori degli anni 30 ,40 e 50, e dove Andrea, figlio del fondatore, da del tu ad automobili di inestimabile valore , spesso intento a preparare vetture per la Mille Miglia.Per quanto riguarda la carrozzeria la vettura non aveva bisogno di interventi radicali, ma di una mano esperta che eliminasse molti dei segni del tempo; ma, si sa, il budget preventivato viene sempre superato in virtù di un perfezionismo che talvolta supera ogni buon senso.Non potevo quindi non affidare la mia Quadrifoglio alla “Carrozzeria Quadrifoglio”; il lavoro è durato tre mesi ma ne è decisamente valsa la pena.

Oggi, superato il trentesimo compleanno,questa Spider diventa di diritto una storica di grande importanza.Provate a farci un giro: capirete cos’è rimasto e “cosa resterà” di quegli anni ’80…

E’ riuscita a conseguire la Targa Oro ASI ed il documento di Origine Alfa Romeo ne certifica la produzione il 22/11/1988 e la consegna il 28/02/1989 a Milano: la targa, di indiscutibile fascino, è ancora quella originale.

L’ACCOMPAGNAMENTO

TRENT’ANNI FA: TRA MILANO E SANREMO.

Proprio nel Febbraio del 1989, in occasione del festival di Sanremo, Raf presentava questo nostalgico brano, sipario di un irripetibile decennio.

Nello stesso mese, a pochi chilometri dalla cittadina ligure, questa Alfa Romeo Spider Quadrifoglio veniva consegnata.

CUORE ALFA.

Il cinema è pieno di Alfa Romeo Duetto; credo sia una delle vetture più utilizzate nei film. Forse perchè la sua è una bellezza che trascende l’oggetto in sé e che racconta anche di sogni ad occhi aperti, di libertà con il vento tra i capelli. Quante vetture sono riuscite a trasmettere queste sensazioni per quasi trent’anni?

Michelle Pfeiffer, una delle attrici più apprezzate dei ’90 e ‘00, guida una bellissima Aerodinamica in “Tequila Connection” , titolo originale  “Tequila Sunrise” (1988).

Le auto del mio garage

Interessato? Scrivimi ora