Saab 900 Turbo 16V Coupè Aero in vendita - Passione Classica
Saab 900 Turbo 16V Coupè Aero in vendita - Passione Classica

SAAB 900 TURBO 16V COUPE’ AERO

Pronta al decollo

ANNO: 1987

FASCINO SENZA EGUALI
Il segreto della 900 è un fascino che ancora oggi conquista.
La linea a trapezio, il parabrezza curvo di chiaro stampo aeronautico, il suono inconfondibile del suo motore o i suoi rifinitissimi interni degni delle migliori ammiraglie, stupiscono ancora oggi.
La Saab 900 di Passione Classica è una rara 2.0 Turbo 16v 175cv Coupé Aero, versione più potente delle allora disponibili in gamma. Anno 1987.
Ho scelto la coupé perché, nonostante la versione cabriolet sia molto amata, trovo che la carrozzeria chiusa valorizzi ancora di più l’unicità del progetto.

La Saab 900 fu presentata nel 1979 come sostituta della “99” da cui riprendeva meccanica e scocca. Anticonformista nell’aspetto, fondava la propria reputazione sulle origini svedesi e sull’immagine che la casa madre si era guadagnata come produttore di aeroplani.
Queste caratteristiche hanno giocato un ruolo fondamentale durante tutta l’attività di marketing, che puntava su spot pubblicitari girati nelle piste degli aeroporti, al fine di aumentare la percezione dei potenziali clienti su temi sempre più importanti come sicurezza ed innovazione.
Al di là delle scelte promozionali, La Saab manteneva le sue promesse e dal vivo confermava le aspettative con una grande qualità costruttiva che le conferiva un aspetto solido e concreto.
Quattro i motori disponibili al lancio: tre aspirati ed un turbo.

INNOVAZIONE

Ed è proprio questa una delle innovazioni che Saab portava con sé; fu infatti tra le prime case costruttrici ad offrire dei motori turbo; tuttavia, oltre alla sovralimentazione, la 900 vantava tra le dotazioni lo sterzo collassabile, il filtro-aria per l’abitacolo e, qualche anno dopo, grazie ai motori 16v, un comfort di altissimo livello dovuto ad una grande elasticità nell’erogazione.
Nel 1986 la “Classic” (così viene chiamata la prima serie) venne aggiornata; il restyling interessò soprattutto il frontale, più aerodinamico e moderno, ed i paraurti, che vennero integrati aumentando notevolmente la sensazione di robustezza.
Sofisticata come poche, Saab 900 non seguiva mode e stilemi tipici delle vetture di quel periodo; al contrario, proponeva un diverso modo di costruire auto, con un approccio mentale nel realizzare ogni singolo componente diverso da ciò che fino ad allora si era visto. Ricordo, ad esempio, la chiave di accensione, posizionata sul tunnel centrale, che si estraeva solo innestando la retromarcia (questo accorgimento impediva di dimenticare l’auto parcheggiata in folle…). Proprio questo approccio portò a SAAB una schiera di ammiratori fedelissimi che fecero decollare le vendite e che ancora oggi, nonostante la triste fine a cui il marchio è andato incontro, si riuniscono nei numerosi club del marchio.

  • NUMERO POSTI: 5
  • LUNGHEZZA: 474cm
  • LARGHEZZA: 169 cm
  • ALTEZZA: 143 cm
  • PASSO: 251,7cm
  • MOTORE: 4 cilindri IN LINEA
  • CILINDRATA: 1.985 cc
  • POTENZA: 175cv
  • ALIMENTAZIONE: Benzina
  • TRAZIONE: Anteriore
  • CAMBIO: Manuale
  • VELOCITÀ MAX: 209 km/h
VENDUTA-SOLD

RESTAURO FEDELE – LA MIA SAAB 900 TURBO

La ricerca è stata piuttosto lunga, più di quanto mi aspettassi. A tal proposito va detto che esistono molte 900 contraffatte; spesso, ad esempio, ci si imbatte in vetture che “Aero” non sono, anche se esteticamente sono dotate del tipico “Aero Kit”, che comprende fascioni laterali, spoiler, modanature e cerchi a tre razze.
La mia “Classic” è un esemplare originale, di colore “Odoardo Grey“ con interni in pelle grigia e le sue condizioni, appena portata nel garage, erano poco più che discrete; tuttavia la meccanica era sempre stata curata in modo costante (in dotazione ho trovato anche il porta-libretto della concessionaria che l’ha venduta ed una serie infinita di bolli).
Ho seguito e documentato passo-passo il suo restauro che, senza soste, è durato quasi 10 mesi; questa Saab 900 Turbo 16V Coupè Aero si meritava una “remise en forme” dal miglior “chirurgo” della casa svedese: Giorgio Perin, proprietario della famosa omonima concessionaria, che fece la storia di questo marchio in Veneto, negli anni ‘80 ‘90 e 2000.
Dopo un completo check up meccanico, la carrozzeria è stata rivista completamente (book fotografico a disposizione) ed il lavoro ha compreso anche il restauro di un accessorio molto ambito tra i “Saabisti”: parlo della “Whale Tail”, la “Coda di Balena” (accessorio originale), ovvero lo spoiler maggiorato che aumenta la deportanza alle alte velocità, così amato dai fans perché rende ancora più particolare e stravagante il profilo dell’auto.
Al volante la Saab 900 Turbo si lascia guidare come una vettura moderna, soprattutto nelle strade extraurbane: è una macina-chilometri, con poltrone comodissime, l’aria condizionata, il tetto apribile elettrico e delle sospensioni che cancellano ogni asperità del terreno.
Una grande viaggiatrice dal fascino inconfondibile, che rappresenta un sicuro investimento per il futuro.

RESTAURO FEDELE – LA MIA SAAB 900 TURBO

La ricerca è stata piuttosto lunga, più di quanto mi aspettassi. A tal proposito va detto che esistono molte 900 contraffatte; spesso, ad esempio, ci si imbatte in vetture che “Aero” non sono, anche se esteticamente sono dotate del tipico “Aero Kit”, che comprende fascioni laterali, spoiler, modanature e cerchi a tre razze.
La mia “Classic” è un esemplare originale, di colore “Odoardo Grey“ con interni in pelle grigia e le sue condizioni, appena portata nel garage, erano poco più che discrete; tuttavia la meccanica era sempre stata curata in modo costante (in dotazione ho trovato anche il portalibretto della concessionaria che l’ha venduta ed una serie infinita di bolli).
Ho seguito e documentato passo-passo il suo restauro che, senza soste, è durato quasi 10 mesi; questa Saab 900 Turbo 16V Coupé Aero si meritava una “remise en forme” dal miglior “chirurgo” della casa svedese: Giorgio Perin, proprietario della famosa omonima concessionaria, che fece la storia di questo marchio in Veneto, negli anni ‘80 ‘90 e 2000.
Dopo un completo check up meccanico, la carrozzeria è stata rivista completamente (book fotografico a disposizione) ed il lavoro ha compreso anche il restauro di un accessorio molto ambito tra i “Saabisti”: parlo della “Whale Tail”, la “Coda di Balena” (accessorio originale), ovvero lo spoiler maggiorato che aumenta la deportanza alle alte velocità, così amato dai fans perché rende ancora più particolare e stravagante il profilo dell’auto.
Al volante la Saab 900 Turbo si lascia guidare come una vettura moderna, soprattutto nelle strade extraurbane: è una macina-chilometri, con poltrone comodissime, l’aria condizionata, il tetto apribile elettrico e delle sospensioni che cancellano ogni asperità del terreno.
Una grande viaggiatrice dal fascino inconfondibile, che rappresenta un sicuro investimento per il futuro.

Ho seguito e documentato passo-passo il suo restauro che, senza soste, è durato quasi 10 mesi; questa Saab 900 Turbo 16V Coupé Aero si meritava una “remise en forme” dal miglior “chirurgo” della casa svedese: Giorgio Perin, proprietario della famosa omonima concessionaria, che fece la storia di questo marchio in Veneto, negli anni ‘80 ‘90 e 2000.

NELL’87... TRA TOP GUN E I DURAN - L’ACCOMPAGNAMENTO

Canzone di grande successo, ma ricercata e raffinata come la 900 Turbo: skin trade dei Duran Duran.

Non posso non includere lo Spot della Saab firmato dal regista Tony Scott, il quale, dopo aver girato questo video, fu notato dai produttori Jerry Bruckeheimer e Don Simpson, che lo vollero a dirigere un film intitolato… Top Gun!

Scopri le auto del mio garage ancora disponibili