Lancia Flavia Convertibile Vignale con Kit Nardi in vendita presso PASSIONE CLASSICA

LANCIA FLAVIA CONVERTIBILE VIGNALE

Una rara scoperta

ANNO: 1963

Questa Lancia è manifesto di grande innovazione tecnica ed esempio stilistico di originale sobrietà. Nata al principio dei mitici anni ’60 e prodotta in un numero limitato di esemplari, la Lancia Flavia Convertibile Vignale è una rara cabriolet destinata a pochi fortunati collezionisti.

Cenni storici

Stile ed innovazione

Il 3 Novembre 1960, al Salone dell’Automobile di Torino, entrò in scena la prima vettura italiana con motore Boxer e trazione anteriore. Si trattava dell’elegante berlina Lancia Flavia che, l’anno successivo, venne offerta nella variante coupé di Pininfarina. Ma fu alla rassegna torinese del 1963, il 31 ottobre, che apparve la Convertibile realizzata da Vignale; originale ed equilibrata, nata dalla matita di Giovanni Michelotti, la cabriolet si presentò al pubblico con uno stile sobrio e raffinato; il suo posto guida era piuttosto avanzato e creava un abitacolo spazioso (2+2) mentre il profilo teso e filante terminava in una coda generosa, tronca, che nascondeva un enorme bagagliaio. Il frontale, ripreso dalla berlina, puntava su pochi ma importanti segni distintivi come la calandra più sporgente, il paraurti ridisegnato e i diversi indicatori di direzione. Lancia Flavia Convertibile Vignale era proposta ad un listino di 2.300.000 Lire + opzioni; unica la motorizzazione iniziale: il 1500 cc boxer con cambio manuale a 4 rapporti. Successivamente fu introdotta anche con il 1800 cc da 92 cv, ma l’incremento di prestazioni risultò comunque esiguo così, solo dopo qualche anno, arrivò il 1.8 ad iniezione.

Su circa 1600 esemplari prodotti dal 1963 al 1967, solo 721 furono equipaggiate con il 1500 cc.

Scheda tecnica

  • CARROZZERIA: Cabriolet
  • POSTI: 2+2
  • LUNGHEZZA: 434 cm
  • LARGHEZZA: 161 cm
  • ALTEZZA: 137 cm
  • PESO: 1150 kg
  • MOTORE: Lancia 4 cilindri Boxer
  • CILINDRATA: 1500 cc
  • POTENZA: 90cv c.a
  • ALIMENTAZIONE: Benzina
  • TRAZIONE: Anteriore
  • CAMBIO: Manuale
  • VELOCITÀ: 160 km/h

Alla guida – turistica 

La Lancia Flavia Convertibile Vignale è una cabriolet aristocratica rivolta ad una clientela raffinata, sofisticata, che punta allo stile e ai contenuti. Il suo “naso”, accentuato dalla calandra cromata, la lussuosa plancia in mogano ed il suo sobrio profilo, quasi in contrasto rispetto alle forme sinuose delle concorrenti più modaiole, svela un carattere da auto turistica per chi ama distinguersi senza il bisogno di ostentare il proprio status. Oggi, così come un tempo, restano inalterate le sue doti di auto leggera da guidare, comoda da vivere, grazie all’assenza in abitacolo del tunnel centrale della trasmissione; questa Lancia esprime il meglio di sé nelle comode passeggiate, ma non disdegna qualche allungo, complice il doppio carburatore. Questa peculiarità, unita al passo accorciato di 17 cm rispetto alla sorella berlina, rende la Flavia Convertibile molto agile tra le curve e briosa negli allunghi. In circuito urbano o nel misto stretto diverte e rilassa, dispensando consensi tra chi ha la fortuna di incrociarla.

La Flavia Convertibile Vignale di Passione Classica

Ho scoperto questa rara perla presso un collezionista amante del marchio, che ha sempre manutenuto con cura la sua Lancia utilizzandola solo per brevi gite di piacere. La vettura, lo si vede al primo sguardo, è già stata restaurata. Interessante l’hard top, quest’ultimo grezzo e non restaurato, che rappresenta tuttavia un accessorio raro e di grande valore (all’epoca optional). Come sempre, una volta entrato in possesso di questa rara ed importante storica, ho richiesto un tagliando completo ad un’officina specializzata, la quale si è occupata di testare la vettura in modo completo. L’abbinamento cromatico tra il “Grigio Newmarket” della carrozzeria ed il bordeaux degli interni è forse tra i più glamour opzionabili e mantiene la sua eleganza anche a capote chiusa. Questa Flavia Convertibile è stata costruita poco dopo la presentazione del modello al salone di Torino: esattamente il 26 gennaio 1963, come riportato dal certificato di nascita. L’unica motorizzazione disponibile quindi era il 1.5 che, in questo caso, risulta essere quello montato all’origine, di primo equipaggiamento. Targa quadrata Milano.

Alla guida – turistica 

La Flavia Convertibile è una cabriolet aristocratica rivolta ad una clientela raffinata, sofisticata, che punta allo stile e ai contenuti. Il suo “naso”, accentuato dalla calandra cromata, la lussuosa plancia in mogano ed il suo sobrio profilo, quasi in contrasto rispetto alle forme sinuose delle concorrenti più modaiole, svela un carattere da auto turistica per chi ama distinguersi senza il bisogno di ostentare il proprio status. Oggi, così come un tempo, restano inalterate le sue doti di auto leggera da guidare, comoda da vivere, grazie all’assenza in abitacolo del tunnel centrale della trasmissione; questa Lancia esprime il meglio di sé nelle comode passeggiate, ma non disdegna qualche allungo, complice il doppio carburatore. Questa peculiarità, unita al passo accorciato di 17 cm rispetto alla sorella berlina, rende la Flavia Convertibile molto agile tra le curve e briosa negli allunghi. In circuito urbano o nel misto stretto diverte e rilassa, dispensando consensi tra chi ha la fortuna di incrociarla.

La Flavia Convertibile Vignale di Passione Classica

Ho scoperto questa rara perla presso un collezionista amante del marchio, che ha sempre manutenuto con cura la sua Lancia utilizzandola solo per brevi gite di piacere. La vettura, lo si vede al primo sguardo, è già stata restaurata. Interessante l’hard top, quest’ultimo grezzo e non restaurato, che rappresenta tuttavia un accessorio raro e di grande valore (all’epoca optional). Come sempre, una volta entrato in possesso di questa rara ed importante storica, ho richiesto un tagliando completo ad un’officina specializzata, la quale si è occupata di testare la vettura in modo completo. L’abbinamento cromatico tra il “Grigio Newmarket” della carrozzeria ed il bordeaux degli interni è forse tra i più glamour opzionabili e mantiene la sua eleganza anche a capote chiusa. Questa Flavia Convertibile è stata costruita poco dopo la presentazione del modello al salone di Torino: esattamente il 26 gennaio 1963, come riportato dal certificato di nascita. L’unica motorizzazione disponibile quindi era il 1.5 che, in questo caso, risulta essere quello montato all’origine, di primo equipaggiamento. Targa quadrata Milano.

Questa Lancia esprime il meglio di sé nelle comode passeggiate, capace com’è di rilassare e divertire guidatore e passeggero. Meravigliosi anni 60…

Prezzo

€ 56.000,00

Estate all’italiana – L’accompagnamento

I meravigliosi ’60 hanno tenuto a battesimo alcuni tra i migliori cantanti italiani di sempre; i loro indimenticabili brani venivano trasmessi al grande pubblico attraverso la radio, la tv e nelle importanti rassegne canore che stavano nascendo proprio in quel decennio: il Cantagiro, un Disco Per l’Estate, ed anche il Festivalbar; tutti appuntamenti che andavano ad aggiungersi ai già immancabili Festival di Sanremo e di Castrocaro. Così, tra tormentoni e ballate, anche il 1963 consegnò alla storia brani come “Cuore” di Rita Pavone, già regina delle classifiche e “Roberta” di Peppino di Capri. Ma se parlo di musica a bordo di una Lancia Flavia Convertibile, beh, mi viene in mente l’estate, quella del 1963, dominata da “I Watussi” di Edoardo Vianello e da “Sapore di Sale”, capolavoro immortale di Gino Paoli.

Buon viaggio.

“Se permettete parliamo di donne”

Ed ecco uno sketch del famoso film ad episodi, dove riconosciamo Gassman in uno dei ruoli a lui più congeniali: quello del playboy. Qui, nei panni di Renato gira per Roma e dintorni con Sylva Koscina, a bordo di una Lancia Flavia Convertibile Vignale, in cerca di un posto tranquillo dove appartarsi con la fidanzata.

Le auto del mio garage

Interessato alla mia Lancia Flavia Convertibile Vignale? Scrivimi ora!